Risotto mantecato alla zucca e amaretti in tavola

Tempo di preparazione:

Tutte le vitamine del risotto mantecato alla zucca e amaretti

Per quale motivo le vitamine sono così importanti? Come fanno ad apportare benefici al corpo umano? E in cosa consistono questi benefici? Scopriamolo insieme analizzando le caratteristiche nutrizionali di uno dei tanti piatti in grado di portare giovamento dal punto di vista del nutrimento e della salute, il risotto mantecato alla zucca e amaretti.

È risaputo che le verdure, grazie alle loro proprietà uniche, apportano tutta una serie di benefici grazie all’elevata presenza di vitamine contenuta nelle loro fibre alimentari vegetali. Ma, naturalmente, ci sono tante altre cose da sapere a riguardo.

Le caratteristiche e le proprietà nutrizionali di questo piatto

Un risotto mantecato è derivato da una preparazione ottenibile grazie al processo di mantecazione, ovvero l’aggiunta di ingredienti specifici, solitamente sostanze grasse come il burro e il formaggio, all’interno di un preparato per renderlo più cremoso, legato, compatto.

Questo è anche il caso del risotto mantecato alla zucca e amaretti, realizzato a partire dall’ortaggio stesso e contenente tutta una serie di sostanze nutritive in grado di apportare grandi benefici all’organismo. Di quali sostanze stiamo parlando? Stiamo parlando principalmente del beta-carotene, fondamentale per sintetizzare la vitamina A, la C e la vitamina E. Senza tralasciare il grande apporto vitaminico conferito dai semi di zucca, contenenti sostanze antiossidanti. Niente male, no?

I benefici apportati dalla zucca sono numerosi. La polpa di questo alimento, utilizzata in numerosissime ricette perfette per la stagione autunnale, viene impiegata dal corpo per rigenerare le cellule grazie alla presenza delle sostanze antiossidanti e appunto del beta-carotene. Vi è poi la proprietà lassativa della zucca, grazie alla quale è possibile combattere la stitichezza, nonché la capacità di aiutare a combattere l’insonnia. Un vero e proprio prodigio alimentare!

Curiosità sul risotto mantecato alla zucca e amaretti

Per chi non lo sapesse, la zucca può essere consumata anche nelle diete ipocaloriche, grazie al suo apporto calorico particolarmente basso. Dal punto di vista della tradizione, il risotto di oggi ha origini contadine, tra Veneto e Lombardia, nelle aree in cui, nel periodo tra settembre e ottobre, i coltivatori ricavavano dalla terra il frutto autunnale per eccellenza.

Solamente dopo secoli di sperimentazione e tradizione, si è arrivati a gustare uno dei primi piatti più amati nella cucina italiana. Allora? Cosa state aspettando? Correte in cucina a preparare un buon risotto mantecato alla zucca e amaretti!

Ingredienti per 4 persone

Preparazione

Su una teglia da forno cuocere la polpa di zucca leggermente condita e coperta con carta forno, quando sarà stracotta frullare tutto  per ottenere una crema vellutata e densa, conservare al caldo coperta con della pellicola.Mettere a bollire l’acqua con il granulare Bio Bauer.

Su un rondeau far tostare il riso leggermente con un filo d’olio, salare e sfumare con il vino bianco, procedere con la cottura facendo assorbire il brodo.

A metà cottura aggiungere la purea di zucca e portare a termine la cottura del risotto.Mantecare se necessario con un filo d’olio e completare il risotto con i semi decorticati.Distribuire il risotto sullo specchio del piatto e guarnire con gli amaretti sbriciolati e qualche goccia di aceto balsamico tradizionale di Modena.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *