Crema di cavolfiori con gnocchi di ceci

Crema di cavolfiori con gnocchi di ceci
Commenti: 0 - Stampa

Crema di cavolfiori con gnocchi di ceci: benvenuto autunno!

La tradizione che sta dietro la crema di cavolfiori con gnocchi di ceci affonda le sue origini nella notte dei tempi. L’educazione alimentare e il rinnovato odierno interesse per le preparazioni salutari e genuine ci impone di presentarvi questa ricetta, che sa di antico. Oggi, i legumi sono poco consumati proprio a causa dei tempi di cottura. Allora si ricorre a quelli già cotti, nel nostro caso già ammollati, una vera fortuna per chi, come noi, non ha mai tempo e vuole guadagnarne un po’!

Volete fare bella figura a tavola? Ci tenente davvero alla vostra cucina? Allora non potete fare a meno di seguire questa ricetta che porta a tavola il profumo dei ceci cotti e del cavolfiore, odori inconfondibili, che si uniscono a tutti gli aromi e le verdure che ridurremo in crema. Abbiamo scelto le verdure e gli ortaggi in assoluto più usato un tempo, tra questi: le carote, il sedano, il porro ed il prezzemolo.

Un piatto pensato anche per chi soffre di intolleranze alimentari

I passati, i purè e le creme in cucina sono sempre pensate come a base di latte e farina. Tuttavia, per la ricetta della crema di cavolfiori con gnocchi di ceci abbiamo pensato proprio ai soggetti che soffrono di intolleranze alimentari. Allo scopo andremo ad utilizzare la farina di riso al posto di quella normale, evitando al tempo stesso l’utilizzo del latte. A dare consistenza al nostro piatto saranno appunto le verdure frullate.

Crema di cavolfiori con gnocchi di ceci

La farina di riso, essendo priva di glutine, risulta in ogni caso più digeribile, anche da parte di chi non soffre di celiachia. Gli gnocchi con questa preparati verranno immersi nella golosa crema di verdure (patate, sedano, cavolfiore). Queste delizie sono leggerissime e ricche di sapore. Promette proprio bene questo piatto…già possiamo immaginarlo al centro delle nostre tavole in un’umida e fredda giornata d’inverno!

Tutta la leggerezza della crema di cavolfiori con gnocchi di ceci

Quello che colpisce a primo acchito della nostra preparazione è la cremosità. Anche il profumo fa la sua buona parte ma l’intensità delle note organolettiche non è tutto. Davvero la crema di cavolfiori con gnocchi di ceci è una miniera di importanti sostanze nutritive. Ne sono ricche le patate, fonte di selenio, diuretiche e depurative e ne son ricche le carote, miniera di beta carotene.

Che dire poi dei ceci, collocati, così come più in generale tutti i legumi, nelle prime posizioni della piramide alimentare. Miniera di proteine vegetali, i ceci sono consigliati nelle diete dei giovani, degli atleti e di chi abbisogna di un buon apporto proteico. I ceci, con i quali andremo a preparare i nostri gnocchi senza glutine, sono dei legumi molto gustosi, salutari e dal sapore delicato che piacciono proprio a tutti! Partiamo dunque con l’elenco deli ingredienti.

Ingredienti per 4 persone

  • 100 gr. di ceci, già ammollati
  • 120 gr. di patate,
  • 1 tuorlo
  • 120 gr. di farina di riso,
  • prezzemolo tritato
  • 1 rametto di rosmarino
  • 400 gr. di cavolfiori
  • 1 porro,
  • 1 carota
  • 1 gambo di sedano
  • 30 gr. di olio extravergine di oliva,
  • q.b. sale e pepe

Preparazione

Preparate gli gnocchi: lessate i ce­ci con il rametto di rosmarino, fino a che risultino ben teneri. Lessate le patate, sbucciatele e passatele nel passaver­dura insieme ai ceci.

Aggiungete in una ciotola il passa­to di ceci e patate, il tuorlo, la farina, il prezzemolo tritato e una presa di sale; impastate fino ad ottenere un compo­sto omogeneo, ma non troppo duro.

Preparate la crema: mondate, la­vate e dividete le cime del cavolfiore. Pelate la carota; mondate, lavate e sgocciolate il sedano e il porro, scar­tando la parte verde più dura.

Portate a bollore 1 litro d’acqua con una presa di sale grosso, aggiungete le verdure e fate lessare per 30 minuti (il liquido di cottura dovrebbe ridursi della metà).

Frullate quindi le verdure con il bro­do di cottura, riversate la crema otte­nuta nella casseruola, condite con 15 gr. di olio, regolate, pepate e fate sobbollire dolcemente per 5 minuti.

Lessate gli gnocchi in acqua bollen­te salata, facendo cadere l’impasto nel­l’acqua con l’aiuto di 2 cucchiai (i nostri gnocchi dovranno avere l’aspetto delle quenelles); quando gli gnocchi verranno a galla, scolate con un mestolo forato direttamente nei piatti fondi dove avrete già servito la crema di cavolfiori; con­dite con l’olio crudo rimasto e pepe a piacere e servite.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Zuppa messicana con tortillas

Zuppa messicana con tortillas, una meraviglia piccante

Zuppa messicana con tortillas, un piatto Tex-Mex La zuppa messicana con tortillas è una zuppa molto diversa da quelle della tradizione mediterranea. In primis sono diversi gli ingredienti, infatti...

Gnocchetti tricolore con stracchino

Sfiziosi Gnocchetti con stracchino e prosciutto croccante

Gnocchetti con stracchino e prosciutto croccante, una meravigliosa sinfonia di sapori Gli gnocchetti con stracchino e prosciutto croccante sono un primo piatto molto particolare. In primis perché...

Maccheroncini di Campofilone al ragu

Maccheroncini di Campofilone al ragù, un primo gustoso

Maccheroncini di Campofilone al ragù, quando la semplicità incontra il gusto I maccheroncini di Campofilone al ragù sono un classico della cucina marchigiana e, per la precisione, del comune di...

Lasagne vegetariane con pomodori

Lasagne vegetariane con pomodori, davvero squisite

Lasagne vegetariane con pomodori e bietoline, un ottimo piatto vegetariano Le lasagne vegetariane con pomodori e bietoline sono una gradevole alternativa alle classiche lasagne alla bolognese. E’...

Malfatti con broccoli e salsiccia

Malfatti con broccoli e salsiccia, un primo sostanzioso

Malfatti con broccoli e salsiccia, un piatto semplice I malfatti con broccoli e salsiccia sono un primo gustoso, che gioca la sua partita su una manciata di ingredienti. Anche per questo motivo può...

Spaghetti al ragu di fagiano e porcini

Spaghetti al ragù di fagiano e porcini, un...

Spaghetti al ragù di fagiano e porcini, un primo rustico e insolito Gli spaghetti al ragù di fagiano e porcini sono un primo piatto tra i più “rustici” che possiate mai assaggiare. La lista...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


08-08-2013
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti