Pranzo a Villa Crespi di Antonino Cannavacciuolo (il gigante buono)

Tempo di preparazione:

Da quando ho avuto il piacere incredibile di conoscere Antonino di persona allo Workshop Lavazza mi ero ripromessa di andare a trovarlo nel suo rinomatissimo ristorante e soprattutto di provare la sua cucina, poi mi faccio sempre mille problemi per la mia intolleranza e ho rimandato fino a quando io e Paola ci siamo decise di festeggiare insieme il nostro compleanno e abbiamo reputato che non c’era modo migliore………………

Il ristorante è situato a Orta San Giulio in una villa dell’epoca in stile Moresco ristrutturata ed elegante ed abbiamo pranzato nella sala interna con un servizio davvero impeccabile. Ci sono i camerieri che hanno un ruolo ben preciso e si alternano spiegando alla perfezione piatti, vini, formaggi

Fra i vari menù abbiamo scelto tutti il “Carpe diem”  ma quello che mi è piaciuto molto sono stati i vari extra che hanno contornato il tutto a partire dai tipi di pane e i “buon viaggio” come li chiama Antonino d’inizio pranzo ai dolcini finali. E’ stato molto attento a curare i piatti che arrivavano a me e questo non puo’ che farmi enorme piacere. Ha dato anche a me l’opportunità di mangiare piatti davvero straordinari.

Altissima qualità dei prodotti e piatti presentati in maniera eccelsa. Buona la carta dei vini. Rapporto qualità/prezzo giusto. Unico neo gli aperitivi offerti della casa che abbiamo invece pagato a caro prezzo……… e non erano per nulla buoni, tanto che quasi tutti non lo abbiamo bevuto. Ma qui la colpa non è certo del mitico e fantastico Antonino…….

Spero di bissare con un’altra cena a presto!!!!

 

 

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *