Crema di riso allo zafferano con cialda di parmigiano

Tempo di preparazione:

E’ da poco che ho imparato a fare bene le cialde con il parmigiano reggiano per decorare i piatti, ed è una goduria……………….

Per riuscire a dare un tocco diverso  e “alternativo” alla vostra cialda, potete modellarla in molti modi, non appena tolta dalla padella.

Se volete, ad esempio, conferire alla vostra cialda la forma di una piccola tegola, non dovete far altro che metterla a raffreddare su un matterello;  mentre se volete realizzare un cestino da farcire, schiacciate la cialda dentro un recipiente semisferico di piccole dimensioni; potete anche ottenere un cono avvolgendolo su di  uno stampo per cannoli.

Ovviamente per riuscire nei vostri capolavori cercate di eseguire tutte le operazioni più velocemente possibile, poiché la cialda è estremamente malleabile e si lavora bene solo finché è calda. Una volta che si raffredda, diventa croccante e tende a spezzarsi con facilità.

Ingredienti:

Preparazione
Tostare il riso senza condimento e sfumate con il brodo, salate e portate a cottura unendo il brodo e una bustina di zafferano.

Dopo 14 minuti circa frullate la crema di riso con poco olio d’oliva versato a filo. Ottenete così una crema fluida, regolate di sale e tenete da parte.

Preparate la vostra decorazione con il parmigiano reggiano: prendete un foglio di carta da forno e versate quindi un cucchiaio pieno di parmigiano grattugiato e, aiutandovi con la parte concava del cucchiaio, distribuitelo uniformemente a strisce. Infornate e  lasciate dorare la parte inferiore. Servendovi di una spatolina, voltate la cialda e fatela cuocere anche dall’altro lato, quindi prelevatela e lasciatela raffreddare prima di utilizzarla.

 

Condividi!

2 commenti a “Crema di riso allo zafferano con cialda di parmigiano

  1. Mariella Lolli

    scusami ma come lo fai il brodo vegetale? E’ da quando ho scoperto l’allergia al nichel che non mangio brodo e ne avrei proprio voglia, ma come si fa dalle mie parti contiene solo roba che mi fa male… tu cosa usi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *