Pisarei e Fasò: una ricetta tipica piacentina

Sempre per merito di Isa Mazzocchi, di cui ho già parlato nell’articolo dei Bataro’, una grandissima e simpaticissima chef piacentina proprietaria del ristorante La Palta, abbiamo avuto il piacere di assaggiare un’altra specialità che io non conoscevo propio: i Pisarei e Fasò.

La chef ha personalizzato la ricetta classica con uno sformato di fagioli  e delle palline di parmigiano reggiano che erano davvero gustose. Ovviamente tutta la ricetta non l’abbiamo per cui accontentatevi di una ricetta tipica piacentina di questo piatto.

Un po’ di storia del piatto

Per amare la cucina non basta concentrarsi sulla scelta degli ingredienti. Non dimentichiamo che stiamo parlando di cucina italiana, motivo per cui è impossibile non soffermarsi un po’ sulla storia dei vari piatti. Cosa si può dire sui pisarei e fasò? Che le origini di questa ricetta si perdono davvero nella notte dei tempi.

Di certo c’è che si tratta di una preparazione povera. A dimostrarlo ci pensa la presenza, nelle versioni più antiche della ricetta, di materiali derivati dalla macellazione del maiale. Per quanto riguarda l’origine dei termini ci sono diverse correnti. Secondo alcune, la parola “pisarei” deriverebbe dalla storpiatura del termine dialettale piacentino “bissa”, che significa appunto “biscia”.

Il richiamo alla forma delle strisce di pasta è chiarissimo! Un’altra versione molto accreditata chiama invece in causa la lingua spagnola e il termine “pisar”, che significa “pestare”/”schiacciare”.

Benefici nutritivi dei borlotti

Prima di entrare nel vivo della ricetta è il caso di fare il punto sui benefici nutritivi di uno degli ingredienti: i fagioli borlotti. Capaci di ridurre notevolmente il rischio d’infarto, sono tra le migliori fonti di proteine vegetali. Per un’alimentazione davvero sana si consiglia di associarle ai cereali.

Ricchissimi di fibre, hanno un eccellente effetto lassativo e aiutano a tenere sotto controllo il rilascio degli zuccheri nel sangue. I borlotti sono famosi anche per la loro efficacia contro il colesterolo. Fantastici, vero? Certo che lo sono! Ottimi ingredienti di un primo piatto indimenticabile, vero omaggio all’eccellenza della nostra cucina.

Ingredienti per 6 persone:

Pisarei:

  • farina g 400 –
  • pangrattato g 250 – sale
  • Sugo – condimento:
  • fagioli nostrani o borlotti freschi g 400 –
  • lardo g 50 –
  • burro – prezzemolo – aglio – cipolla – salsa di pomodoro –
  • grana – mazzetto di erbe (sedano, rosmarino, salvia, alloro)
  • – olio – sale – pepe

Nell’impasto la quantità di farina può variare a seconda dei gusti. Si possono usare pari quantità di panee farina oppure g 500 di farina e g 150 di pane.Importantissimo è bagnare il pane con l’acqua bollente.Si possono aggiungere anche uno o due tuorli d’uovo: inquesto caso, prima di unire il pane all’impasto, lasciarlo raffreddare per non scottare le uova. Se si usano le uova, lasciar cuocere i pisarei qualche minuto in più, per permettere loro di “crescere”. C’è anche chi all’impasto aggiunge un goccio di latte, ma, a volerguardare, ogni famiglia ha il proprio modo di cucinare questo piatto, secondo ricette simili, mai uguali.

Preparazione per i Pisarei:

Bagnare il pane con acqua bollente salata e impastarlo con la farina, fino a ottenere un impasto morbido ed elastico. Staccare dei pezzetti e, con il palmo delle mani, tirare delle “bisce”; prenderne una nella mano sinistra e, con la destra, staccare dei pezzetti da passare sulla spianatoia, premendoli al centro con il pollice pisarei.

Preparazione per il Sugo:

In una pentola di terracotta, soffriggere il burro con un poco di olio, la cipolla tritata e il lardo pestato insieme al mazzetto di erbe, poco aglio e prezzemolo; aggiungere i fagioli, salare, pepare e lasciare insaporire. Unire qualche cucchiaiata di salsa di pomodoro, diluito in acqua calda, e cuocere a fuoco bassissimo.Lessare i pisarei in acqua bollente salata, scolarli e condirli con il sugo di fagioli e formaggio grana.

ringraziamo Ricetta di Romagna :: PISAREI E FASO’ da cui provengono le informazioni per la ricetta.

Condividi!

Un commento a “Pisarei e Fasò: una ricetta tipica piacentina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *