Lonza di maiale al latte

Tempo di preparazione:

Questa ricetta, senza le patate, l’abbiamo fatta preparare da Grani & Braci la sera della presentazione del libro e la carne era tenerissima………..

La carne di maiale per tanto tempo è stata considerata una carne grassa e da consumare il meno possibile. Fortunatamente da un po’ di anni è stata rivalutata, poiché ottima carne dal punto di vista nutrizionale ed economica.

Fa parte delle carni bianche ed è versatile per le preparazioni in cucina. Contrariamente ai luoghi comuni è considerata una carne magra e adatta anche al consumo dei bambini. La lonza di maiale è la parte di muscolo del carrè senza osso, chiamata anche lombata.

E’ un dei pezzi più pregiati del maiale ed è particolarmente magro e adatto alle preparazioni al forno, come scaloppine o involtini e comunque ottimo se cucinato brasato o in umido, preparazioni che lo rendono morbido e saporito. Rispetto al passato la percentuale di grassi saturi di questa carne si è praticamente dimezzata, mentre la percentuale di grassi insaturi è salita e questo la rende adatta al consumo per la prevenzione di disturbi cardiovascolari.

Molto più ricca di proteine rispetto alla carne di manzo, ora viene anche consigliata nelle diete ipocaloriche. La lonza di maiale ha un apporto calorico di circa 146 Kcal ogni 100 g. Per quanto riguarda il contenuto di vitamina B1 e B2, questo è addirittura maggiore rispetto a quello della carne bovina, il che ne incentiva il consumo. Ricordiamoci di consumare la carne di maiale ben cotta, poiché eviteremo di contrarre eventuali malattie quali la trichinosi e la cisticercosi che in passato avevano scoraggiato il consumo di questa carne.

Per concludere: sfatiamo il luogo comune, comunque ancora molto diffuso che consumare carne di maiale faccia male! La lonza, in particolare, è un pezzo da consumare con la massima tranquillità in sostituzione della carne bovina, la quale è anche più costosa.

Ingredienti per 4-6 persone:

  • 800 g di lonza di maiale;
  • 1/2 lt. di latte di quinoa e riso;
  • 1 spicchio di aglio;
  • 80 g di pancetta senza glutine e lattosio tagliata in una sola fetta;
  • olio extravergine d’oliva;
  • 1 cucchiaio di senape senza glutine;
  • 1 rametto di rosmarino;
  • 1/2 bicchiere di vino bianco secco;
  • 400 g di patatine novelle;
  • sale;
  • pepe.

Preparazione

Accendete il fuoco a 200° gradi. Sbucciate e lavate le patatine novelle.Tagliate la pancetta in tante striscioline e con queste lardellate il pezzo di carne, legatela con dello spago incolore da cucina e conditela con sale e pepe macinato al momento.

In una teglia da forno fate scaldare un paio di cucchiai di olio; unite il rosmarino intero e l’aglio schiacciato con l’apposito attrezzo. Fatevi rosolare la carne da ambo le parti finché non sarà dorata. Irrorate la carne con il vino bianco e infornate

In un bicchiere diluite la senape con il latte e versate questo composto sopra la carne. Lasciate cuocere la carne rigirandola spesso e bagnatela con il fondo di cottura per 30 minuti circa.

Aggiungete le patate alla carne e fate cuocere per altri 20 minuti mescolando di tanto in tanto. Se vedete che il sugo tende a restringersi aggiungete altro latte.

Una volta tolta dal forno disponetela a fette direttamente sul piatto di portata, guarnite con le patatine novelle e nappate con il sugo di cottura passato al colino.

Tempo occorrente: 1 ora

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *