Tortino di ricotta e prosciutto cotto

Tempo di preparazione:

I formaggi sono, per definizione, quei prodotti ottenuti dal latte intero, parzialmente o totalmente scremato, in seguito a coagulazione acida o presamica. Il coagulo così ottenuto (cagliata) subisce poi una serie di trattamenti diversi a seconda del tipo di formaggio che si vuole produrre.

I formaggi contengono praticamente gli stessi principi nutritivi del latte di partenza ma in quantità notevolmente più concentrata, tanto da rappresentare la migliore fonte alimentare di calcio e una delle migliori fonti di proteine di elevato valore biologico.

È bene avvolgere i formaggi in carta paraffìnata o nella pellicola trasparente. Dovrebbero essere tolti dal frigorifero circa mezz’ora prima di consumarli. I formaggi freschi e quelli fusi si mantengono nella parte centrale del frigorifero. In linea di principio, quelli a pasta molle non dovrebbero essere riposti in frigorifero, ma conservati in ambienti freschi e ventilati; certi frigoriferi moderni dispongono di uno scomparto speciale per questo scopo. I formaggi freschi, tipo ricotta, si conservano per pochi giorni e possono essere serviti freddi; quelli stagionati durano poche settimane e devono essere serviti a temperatura ambiente.

Per noi intolleranti al nichel sono sarebbe meglio evitare di mangiare i formaggi “erborinati”. Sono formaggi cui viene inoculata nel latte o nella cagliata una muffa nobile, il Penicillium Roqueforti, che in fase di maturazione dà luogo alle classiche striature verdi o bluastre e che conferisce la gamma aromatica caratteristica di questi prodotti.

Sono erborinati (da “erborin”, prezzemolo in dialetto lombardo) tra gli altri il Gorgonzola, il Blu del Monviso, il Castelmagno, il Roquefort e lo Stilton. Uno dei formaggi consigliati è la ricotta.

per la pasta briseè;

  • vedi impasto base qui

per il ripieno:

  • 450 gr di ricotta romana di pecora
  • 3 uova
  • 100 di parmigiano grattugiato 36 mesi
  • 2 etti di prosciutto cotto
  • 1 cucchiaio abbondante di farina di riso
  • timo
  • sale

Preparazione

Preparate la pasta briseè seguendo le istruzioni riportate sulla ricetta base e  tenetela in frigo fino al momento dell’utilizzo . Dopo questo tempo riprendete la vostra palla e stendetela col mattarello sul piano infarinato, nello spessore che vi serve e ritagliate dei dischi del diametro di 10 centimetri circa. I ritagli li potete rimpastare e formare altri dischi.

Per il ripieno mettete tutti gli ingredienti,tranne il prosciutto, nel frullatore e fate amalgamare il tutto. Negli stampini rivestiti di carta da forno sopra un quadrato di pasta briseè versate il composto,ricoprire parzialmente  con il prosciutto. Infornate a 180° per circa 40 minuti fino a che si e’ formata una bella crosticina sulla superficie.

Condividi!

Un commento a “Tortino di ricotta e prosciutto cotto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *