Polpettine di patate

Tempo di preparazione:

La patata è un ortaggio che appartiene alla gran­de famiglia delle Solanaceae (come pomodori, melanzane e peperoni). Originaria della zona tro­picale dell’America del Sud, fu importata dagli spagnoli in Europa nella metà del Cinquecento, ma la sua coltivazione iniziò tra Sei e Settecento, periodo nel quale il tubero ebbe un ruolo di primo piano nell’alimentazione quotidia­na. E anche oggi resta un vegetale di fondamentale impor­tanza per la realizzazione di piatti nutrienti e curativi.

Un alimento completo. Povera di proteine e grassi, la patata contiene amido e zucchero, sali minerali (potassio, calcio, fosforo, selenio), vitamine A e C, che ne fanno un eccellente antiage e anti cancro

C’è un tipo per ogni ricetta:

  1. A PASTA BIANCA, farinosa: è la patata adatta alla preparazione di puré. sformati e crocchette.
  2. A PASTA GIALLA, più soda e com­patta, è ideale per essere cucinata intera, in insalata e al forno.
  3. LA ROSSA, saporita e consistente, ha una polpa soda, indicata per la prepara­zione di gnocchi perché il suo contenuto in acqua è più basso rispetto alle altre varietà.
  4. LA NOVELLA è il tipo che viene raccolto immaturo ed è disponibile tutto l’anno; è caratterizzata da polpa delicata e viene cucinata al forno. È ottima anche bollita, cotta con la sua buccia sottile.

Per preservare le virtù nutrizionali e curative delle patate bisogna lessarle in acqua fredda e salata e mai in acqua bollente.Non mangiarle con la carne, abbinale alle verdure crude

L’accoppiata migliore delle patate è con altre verdure crude o cotte: ottima, per esempio, l’insalata mista con patate lessate. Da evitare invece l’abbinamento con la carne, che rallenta la digestione.

Ingredienti per 4 persone

  • 700 gr. di patate
  • 100 gr. di mortadella senza glutine e senza lattosio
  • 1 uovo
  • 20 gr. di farina di riso
  • 2 cucchiai di parmigiano reggiano 48 mesi grattugiato
  • olio extravergine d’oliva q. b.
  • sale e pepe

Preparazione

Mettete le patate, con la buccia, in acqua salata e fatele lessare. Quando saranno cotte, pelatele, schiacciatele con lo schiacciapatate e raccogliete la purea in una terrina capiente.

Tritate la mortadella e aggiungetela nella terrina, Unite i 2 cucchiai di parmigiano grattugiato e l’uovo e mescolate molto bene gli ingredienti per farli amalgamare il più possibile.

Regolate di sale e pepe. In un altro tegame mettete olio in abbondanza e fatelo scaldare.

Con l’aiuto di un cucchiaio, formate, con il composto nella terrina, delle polpette di uguale grandezza.

Passate le polpette nella farina e, quando l’olio sarà diventato bollente, tuffatele, rigirandole con cura per far prendere loro colore da tutte le parti.

Terminata la cottura, appoggiate le polpette su un foglio di carta assorbente ed eliminate l’olio in eccesso.

Sistemate le polpette sul piatto di portata e servite subito.

AI posto della mortadella potete usare anche del prosciutto cotto a dadini oppure della salsiccia spezzettata.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *