Insalata di cavolo cappuccio in tre salse

Tempo di preparazione:

Il nome stesso già dice tutto. E cioè, che si tratta di «qualcosa» che si serve in apertura di colazioni e pranzi, con lo scopo di stuzzicare l’appetito e che consente ad ogni padrona di casa di sbizzarrirsi con la fantasia per stupire i propri ospiti.

Ho parlato di ospiti, e non a caso. Infatti, raramente la voce «antipasto» entra nei menù dei quotidiani pasti familiari (per ragioni, facilmente intuibili, di praticità ed economia), mentre è riservata alle occasioni più importanti e impegnative. In questi casi, quindi, si ha la possibilità di cimentarsi in raffinati manicaretti, curando, con abilità, non solo la qualità dei cibi, ma anche la presentazione di piatti che, mai come in questa occasione, si prestano ad infinite variazioni, a meravigliosi accostamenti di colori e di sapori, a sapienti manipolazioni che possono trasformare una semplice insalata mista in un fiorito giardino di primavera.

Gli antipasti si dividono in due categorie: i «freddi» e i «caldi». I primi sono a base di salumi, insalate di verdura o di crostacei, uova farcite, pesci marinati, canapè, ecc. Quelli caldi, che comprendono una gamma abbastanza vasta di squisitezze, hanno come elemento base un involucro di pasta da riempire con vari composti.

Quando e come si servono gli antipasti? Normalmente in un pranzo o cena importante; e si tratta in prevalenza di antipasti freddi, dove il protagonista principale è quasi sempre 1’affettato misto, accompagnato da una o più preparazioni (secondo le caratteristiche del pranzo o della cena e dell’importanza degli ospiti), scelte tra quelle citate sopra. La sera, invece, gli antipasti freddi sono rigorosamente esclusi, con la sola eccezione per i pàté, le ostriche, il caviale, il salmone affumicato, i cocktails di crostacei: come dire, insomma, i più costosi e raffinati esponenti della gastronomia internazionale. Se il pranzo non è eccessivamente impegnativo, questi rappresentanti possono essere sostituiti con qualcosa di più semplice: una buona crostata, delle tartelette calde, dei vol-au-vent.

Oggi vi presento questo antipasto, ma in realtà puo’ anche essere un contorno….vedete voi!

Ingredienti per 4 persone:

  • ¼ di cavolo cappuccio

Salsa verde:

  • 4 cucchiai di maionese
  • 1 cetriolo
  • 1/2  peperone rosso
  • 2 cucchiaio di prezzemolo tritato
  • qualche gheriglio di noce

Salsa rosa:

  • 4 cucchiai di maionese
  • 1 cucchiaio di salsa ketchup
  • qualche corn flakes

Salsa curry:

  • 4 cucchiai di maionese
  • 1 cucchiaio di curry o curcuma in polvere
  • mandorle a fettine

Preparazione:

Mondate il cavolo dalle foglie esterne e tagliatelo a listarelle sottilissime eliminando il torsolo. Lavatelo, scolatelo bene e asciugatelo come una insalata

Salsa verde: lavate il cetriolo, tagliatelo a metà nel senso della lunghezza, eliminate i semini. Tagliate il peperone a listarelle sottili e poi a dadini. Tagliatelo a fettine invisibili, unite il prezzemolo, la maionese e mescolate bene.

Salsa rosa: unite la maionese e il ketchup, mescolate bene.

Salsa al curry: unite la maionese e il curry in polvere e mescolate bene.

Al momento di servire dividete l’insalata in tre piattini monodose; uno lo condite con salsa verde e lo guarnite con le noci; il secondo lo condite con salsa rosa e corn flakes; il terzo con salsa la curry e mandorle.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *