Salak e rambutan – Due frutti esotici dalla bontà straordinaria

Oggi vi parlo di due frutti scoperti nel mio ultimo viaggio fatto alle Maldive: salak e ramboutan

Il salak (salacca) e’ un frutto originario del Sud-Est Asiatico e prodotto in Thailandia e in Indonesia; cresce su una palma piuttosto particolare, praticamente senza tronco e ricoperta da foglie con grandi spine che ne rendono piuttosto difficoltosa la sua raccolta. Ha una forma a goccia ed una corazza a scaglie di color rosso-bruno; la polpa e’ costituita da tre sezioni color bianco-latte, separate e racchiuse da una membrana sottile e trasparente e contenenti ognuna un seme marrone e lucido non commestibile; il sapore, molto gradevole, e’ dolce ed aspro insieme.

E’ presente sul mercato da gennaio a marzo e da ottobre a dicembre. Si conserva molto a lungo a temperatura ambiente. In cucina si consuma al naturale o aggiunto nelle macedonie, dopo averne tolto la buccia ed estratto la polpa liberandola dalle membrane trasparenti e dai semi. Il suo apporto calorico e’ di 50 kcalorie per 100 g. di prodotto.

salacca or zalacca, sour fruit of thailand.

salak

 

Il rambutan (Nephelim Lappaceum) e’ una pianta arborea appartenente alla famiglia delle Sapindaceae originaria della Malesia ed attualmente coltivata in tutti i paesi tropicali dal clima piuttosto umido. L’albero puo’ raggiungere i 20 metri di altezza ed ha foglie pennate dalla chioma densa; i frutti, che si presentano a grappolo, hanno una forma sferica o leggermente ovoidale ed una colorazione gialla o rosso bruno; la loro superficie e’ ricoperta da spine morbide piu’ o meno lunghe che gli conferiscono un aspetto simile a grossi ricci di castagna; la polpa e’ molto simile a quella del litchi, di colore bianco translucido, succulenta, dal gusto dolce e la profumazione molto aromatica. L’albero fruttifica due volte l’anno.

E’ presente sul mercato tutto l’anno e si conserva per una settimana a temperatura ambiente. In cucina viene consumato principalmente al naturale, togliendo la polpa dal guscio dopo averlo tagliato a meta’ ed averne rimosso il seme centrale, ma e’ ottimo anche per la preparazione di marmellate.

Per quanto riguarda le virtu’ terapeutiche, il rambutan ha un alto contenuto di vitamina C (ha pertanto un forte potere antiossidante e potenzia notevolmente le difese immunitarie), calcio e fosforo. L’apporto calorico e’ di 64 kcalorie per 100 g. di prodotto.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *