Pane con la zucca . una specialità autunnale

Pane con la zucca

A tavola con una specialità: il pane con la zucca

La zucca è in grado di “riempire” un intero menù, dall’antipasto al dolce, poiché molte sono le sue “virtù” e ogni piatto risulterà quindi gustoso e salutare. Oggi la proviamo sotto forma di panificato: il con la zucca. Prelibata e dolciastra, sostanziosa e saziante, questa pietanza è perfetta per ogni occasione. La prepareremo con la farina, la zucca gialla, l’uva passa, il latte senza lattosio e altri ingredienti.

Porterete in tavola un alimento nutriente e capace di soddisfare ogni palato, anche quello dei bambini! Ma prima di prepararlo, andiamo a conoscere nel dettaglio le caratteristiche dell’ingrediente principale.

La bontà e le peculiarità della zucca

Tutti conosciamo la zucca, la sua dolcezza e versatilità. Quasi certamente è l’ortaggio più grande che abbiamo a disposizione. Appartenente alla famiglia delle Cucurbitacee, radica le sue origini nell’America Centrale: in Messico hanno trovato dei semi di zucca che risalgono al periodo intorno al 6.000 a.C. Se a quei tempi e nell’antichità in generale era un “cibo dei poveri”, adesso è molto amata, diffusa e consumata in quasi tutto il mondo, diventando la protagonista di numerose ricette.

È carica di acqua, fibre, zuccheri e proteine, ma anche di vitamina A, B1, B2, B3, B5, B6, C, E, K e J, e di minerali come potassio, magnesio, selenio, zinco, calcio, fosforo, manganese, ferro e rame. Nel caso del pane con la zucca, abbiamo perciò a che fare con un pane diverso dal solito, ma anche molto più nutriente di quello tradizionale. Dobbiamo poi contare che questo alimento è un valido alleato dell’apparato gastrointestinale, del cuore, degli occhi e della pelle.

Secondo le ricerche, sono da considerare molto importanti le proprietà antiossidanti del betacarotene: grazie ad esse, la zucca ci aiuta a contrastare i danni dei radicali liberi, a rallentare il naturale invecchiamento delle cellule e a tenere alla larga tante malattie, rivelandosi un valido antitumorale e un ottimo aiuto contro il diabete e l’ipertensione.

Alcuni consigli per la preparazione del pane con la zucca e non solo

Se acquistate una zucca intera, la potrete conservare per tutto l’inverno, in un ambiente buio, fresco e asciutto. Secondo la tradizione, le zucche andrebbero mangiate entro Carnevale. I pezzi di zucca cruda si conservano invece nel frigorifero, generalmente nello scomparto delle verdure, avvolti nella carta trasparente: in questo caso però, vanno consumate entro alcuni giorni, poiché “si disidratano” facilmente. Se invece si vuole conservare nel congelatore, si dovrà limare la buccia, tagliare la zucca a dadini e “sbollentarla” un po’, prima di congelarla.

Infine, sappiate che il pane con la zucca è ottimo sia come accompagnamento ai salumi e formaggi che come snack dolce. All’impasto si può aggiungere uvetta e pinoli, oppure pezzettini di mele e zucchero di canna. Nel weekend, visto che finalmente mi sono ritagliata un po’ di tempo per cucinare, ho deciso di provare questo pane e ne sono rimasta davvero contenta, e credo proprio che preparerò questo impasto un po’ più spesso… Provatelo anche voi e ditemi se non ho ragione…

Ed ecco la ricetta del pane con la zucca

Ingredienti per 4 persone

  • 600 gr. di farina;
  • 400 gr. di zucca gialla;
  • 50 gr. di uva passa;
  • 50 gr. di lievito di birra;
  • 1 bicchiere di latte intero consentito;
  • 1 cucchiaino di zucchero di canna bianco;
  • q.b. sale.

Preparazione

Fate intiepidire il latte e versatelo in una terrina; unite lo zucchero, un pizzico di sale e il lievito. Fate sciogliere bene quest’ultimo, quindi versate nella terrina farina in quantità sufficiente ad assorbire tutto il latte. Amalga­mate bene e, quando avrete ottenuto un impa­sto sodo e omogeneo, formate un panetto. Inci­detelo a croce con un coltello, mettetelo nella terrina, coprite con un panno pulito e tenete per 2 ore in luogo tiepido, perché lieviti bene.

Togliete scorza, semi e, se ci sono, filamenti alla zucca, affettatela, disponetela su una plac­ca da forno e fatela cuocere per 25-30 minuti a 180°C; mettete a bagno in acqua tiepida l’u­vetta e dopo 20 minuti sgocciolate la e strizza­tela bene. Passate al passaverdure la zucca or­mai cotta e raccogliete in una terrina la crema; unite l’uvetta e il panetto.

Disponete la farina rimasta sulla spianatoia, ponetevi al centro la crema di zucca e lavorate con energia, versan­do un goccio di latte tiepido se necessario, fino a quando non avrete ottenuto un impasto sodo ed elastico.

Date la forma di un panetto, mette­tela in un recipiente piuttosto grande, perché lievitando crescerà, incidetelo a croce sulla su­perficie, coprite con un panno pulito, e fate ri­posare in luogo tiepido per altre 2 ore.

Ungete una placca da forno; lavorate la pasta energicamente per un quarto d’ora circa, rica­vatene tante pagnottine e disponete le ben di­stanziate sulla placca. Fate riposare per un’ora, infamate a 200°C; dopo 15 minuti abbassate a 150 “C e fate cuocere ancora per un’ora. Lasciate intiepidire prima di servire in tavola.

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Crema pasticcera al matcha

Crema pasticcera al matcha, una variante dal sapore...

Crema pasticcera al matcha, un’idea per stupire La crema pasticcera al matcha è una variante dal sapore particolare e dall’impatto visivo importante. Come potete vedere dalla foto è di colore...

crackers ai semi

Crackers ai semi misti, uno snack salutare

Crackers ai semi, uno spuntino ricco di antiossidanti I crackers ai semi misti sono una variante dei classici crackers. Rispetto a quelli industriali, però, si distinguono per un impasto più...

Passata di pomodoro

Passata di pomodoro per intolleranti al nichel

La passata di pomodoro, il simbolo della cucina italiana La passata di pomodoro è un po’ il simbolo della cucina italiana. E’ l’intingolo perfetto per gusto, impatto visivo, leggerezza e...

pesto

Il pesto, come conservarlo al meglio

Le peculiarità del pesto classico Come si conserva il pesto? La risposta è meno scontata di quanto si possa immaginare. Anche perché, al netto della semplicità della ricetta, presenta dei tratti...

Idli

Idli, dall’India un pane diverso dal solito

Le particolarità del pane indiano idli Gli idli sono una specie di tortini di pane originari dell’India. Sono realizzati con il riso e una particolare varietà di lenticchie. L’impasto è molto...

Pasta fillo senza glutine

Pasta fillo senza glutine, una variante davvero ottima

Pasta fillo senza glutine, un variante con i fiocchi Oggi vi presento la pasta fillo senza glutine, una ricetta base completamente gluten free. La pasta fillo è un impasto di origine greco-turca,...

16-11-2011
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti