Antipasto raffinato con gamberetti

Tempo di preparazione:

Spesso la prima impressione è quella che dura più a lungo, perciò è importante aprire il pranzo con un piatto che crea l’atmosfera giusta per quello che seguirà.

Un antipasto può essere semplice come un ‘insalata o raffinato come un soufflé, secondo l’occasione e la disponibilità del cuoco. Il repertorio di ricette che si possono preparare per l’apertura di un pranzo o di una cena è abbastanza ampio. Alcune richiedono pochi ingredienti e pochi minuti di lavoro.

Altre sono un po’ più complicate e vanno programmate, ma il risultato ripagherà il tempo e la fatica impiegati. Per un pranzo informale alcuni antipasti possono diventare il piatto principale.

È meglio scegliere gli antipasti da servire agli invitati tenendo conto della stagione, cioè caldi e robusti per combattere il freddo dell’inverno, o leggeri e freddi per un afoso giorno d’estate. Ci si può ispirare anche a cucine diverse, francesi, orientali o messicane per iniziare il pranzo in maniera vivace e insolita.

Questa ricetta è adatta per tutte le occasioni: dall’incontro informale con gli amici alla cena
più impegnativa.

Ingredienti per 6 persone:

  • 300 g di gamberetti;
  • 300 g di maionese al limone;
  • 3 cucchiai di Ketchup senza glutine e senza lattosio;
  • 3 cucchiaini di senape senza glutine e senza lattosio;
  • 1 bicchierino di tabasco senza glutine e senza lattosio;
  • pepe macinato fresco

Preparazione

Sciacquate e pulite i gamberetti e asciugateli con carta da cucina. Staccate la testa e il carapace ed il filamento nero, usando delle pinze da cucina facendo attenzione a non romperlo

In una pentola con dell’acqua fate bollire i gamberi per qualche minuto. Una volta cotti, scolateli e lasciateli raffreddare

In una ciotola versate la maionese, il Ketchup, la senape, il tabasco e il pepe. Amalgamate bene, poi aggiungete i gamberetti. Girate delicatamente fino a che il composto risulti ben legato

Servite su di una conchiglia e se l’avete mette un letto d’insalata.

Tempo occorrente: 30 minuti più il tempo di riposo in frigorifero

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *