Salsa rossa al rafano

Tempo di preparazione:

Questa radice aromatica, nota in molti Paesi e con diversi nomi (horseradish in inglese, kren in tedesco, raifort in francese), pare sia utilizzata in cucina da millenni, anche se oggi meno di un tempo.

Ciò dipende in parte dal fatto che il rafano è ottimo appena grattugiato, quando il suo aroma si rivela completo, mentre poi, anche se diluito in buon aceto, perde fragranza e sapore nel giro di pochi giorni. Le salse industriali a base di rafano sono quindi meno convincenti delle altre, e anche le preparazioni casalinghe non sono adatte a una lunga conservazione.

Con il nome di cren, di radice tedesca, il rafano è ancora usato nel Veneto, in Venezia Giulia e Alto Adige, dove lo si compera al mercato, in tranci che si conservano bene nel cestello del frigorifero, anche per un paio di settimane; grattugiandoli man mano che servono si ottiene un trito fresco e forte, da stemperare, parzialmente, in aceto o nel latte.

In Gran Bretagna e In America la horseradisl1 sauce è servita con le carni alla griglia e il roast beef. Nei Paesi di lingua tedesca il rafano si unisce anche alle mele grattugiate come guarnizione a carni di maiale e salsicce.

Ingredienti per 4 persone

  • 6 cucchiai di tomato-ketchup Heinz (senza glutine)
  • 2 cucchiaini di rafano grattugiato
  • tabasco (senza glutine)

Preparazione

In una ciotola mescolate la ketchup e il rafano fino a ottenere una preparazione omogenea. Assaggiate e insaporite, se necessario, con 1 o 2 gocce di Tabasco. Servite freddo.

 

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *