Grigliata di pesce, il piatto dell’amicizia!

Tempo di preparazione:

Finalmente con l’arrivo delle belle giornate di sole si  può ricominciare ad accendere il barbecue e fare delle belle grigliate in giardino con gli amici……………

Ci piace stare tutti in compagnia all’aperto senza formalismi a goderci un bella grigliata di carne o di pesce. E visto che a mio parere il barbecue é sinonimo di giardino, libertà e relax perché non cuocerci una bella grigliata di pesce?

La griglia è un metodo di cottura che può raggiungere temperature altissime, ed è ormai noto che il calore eccessivo, otre ad eliminare le caratteristiche nutritive, può alterare le sostanze organiche degli alimenti, trasformandole in elementi pericolosi; inoltre, nelle parti più esterne bruciacchiate si possono sviluppare derivati di idrocarburi cancerogeni.

Scegliete pesci dalla carne compatta e piuttosto grassa, come salmone, palombo, sarde, triglie,  pesce spada, tonno fresco, trota, sgombro e simili. Evitate sogliole o altri pesci molto delicati; anche il merluzzo è inadatto perché la carne tende a diventare troppo friabile e a spaccarsi se sottoposta a questo tipo di cottura.

Non sfilettate il pesce e non privatelo delle lische né della pelle. Se avete acquistato dei pesci interi, non spezzettateli, ma limitatevi a eliminare le interiora; se invece volete orientarvi su dei tranci, scegliete bistecche piuttosto spesse.

Vanno benissimo anche molti crostacei, come gamberoni o scampi; meglio evitare, anche in questo caso, carni troppo tenere come quella dell’astice o dell’aragosta.

Essendo il pesce un alimento delicato, è opportuno cuocerlo a una distanza di almeno 30 cm dalle braci.

Per la preparazione alcuni suggeriscono di non insistere troppo con marinature o preparazioni elaborate, per costoro la parola d’ordine col pesce fresco è ‘semplicità’. Per altri il ricorso alla marinatura può essere un’opzione interessante, in ogni caso la marinatura deve essere breve e l’emulsione va preparata con un’incidenza bassa di elementi acidi, che potrebbero intaccarne la delicatezza.

Per le marinate per il pesce c’è infine chi dice di usare dell’olio evo e in quantità moderata, specialmente in caso di pesci già ricchi grassi, succo di limone, menta o basilico, pepe; evitare il sale.

Ingredienti per 4 persone:

  • 4 fettine di palombo,
  • 4 seppie piccole già spellate,
  • 4 fettine di pesce spada,
  • 4 triglie,
  • 4 scamponi,
  • olio, sale, pepe,
  • maionese,
  • un limone

Preparazione

Pulite le seppie eliminando l’osso centrale, gli occhi, le interiora con la sacca dell’inchiostro e il becco, Lavatele bene e asciugatele, Sventrate le triglie, eliminate le pinne, lavatele anche all’interno e asciugatele. Lavate e asciugate il palombo, il pesce spada e gli scamponi.

Preparate in una ciotola una emulsione con mezzo bicchiere di olio, il succo del limone, sale e una generosa macinata di pepe. Spennellate ogni pesce con questo condimento, poi cuoceteli sulla griglia ben calda, rigirandoli un paio di volte. Durante la cottura, ungeteli più volte con l’emulsione preparata.

Quando saranno pronti, disponeteli su un piatto da portata preriscaldato e serviteli con la maionese, meglio se fatta da voi al momento.

Condividi!

2 commenti a “Grigliata di pesce, il piatto dell’amicizia!

  1. Debora

    ma tu lo sai che io camperei solo di pesce grigliato??? se vado al ristorante, tutti sanno già cosa prenderò! la grigliata e rigorosamente mista! troppo buona!! io qui non posso grigliare tranne nel forno, ma capisci che non è la stessa cosa!! brava! e grazie! il mio palato gode solo a guardare la foto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *