Insalata di ramolaccio guarnito di ciccioli

Tempo di preparazione:

Il ramolaccio è un ortaggio di origini cinesi, viene coltivato per la radice che è l’unica parte della pianta commestibile. In base al colore di quest’ultima se ne distinguono varie specie. In particolare il ramolaccio o ravanello nero è così definito per il colore esterno della radice che è molto voluminosa, visto che può raggiungere i 50 cm di lunghezza, è spessa, carnosa, rigonfia, scannellata e rugosa, è bianca all’interno.

Il ramolaccio è coltivato dal tempo degli egizi ed è molto apprezzato per le proprietà mediche. Il ravanello nero, infatti, contiene composti organici dello zolfo che favoriscono il drenaggio del fegato e della colecisti, e per questo, aiuta ad eliminare i rifiuti e le tossine. Le sue proprietà coleretica (stimolando la secrezione di bile) e colagoga (facilitando l’eliminazione della bile) fa sì che il ravanello nero è usato per alleviare i problemi di fegato e delle vie biliari (insufficienza epatica, coliche epatiche, emicranie di origine epatica, allergie, digestivi, ecc) .

Nelle Marche, con questa verdura si prepara la “pasta verde”, prelevando le foglie crude più tenere, tagliandole e mescolandole a lungo con la pasta appena scolata, aggiungendo olio extra vergine d’oliva e formaggio grattugiato.
Nella cucina romanesca il Ramolaccio (‘e ramoracce)  è molto considerato e talvolta si trova nei mercati.

Quella seguente è una ricetta che ho provato quest’estate a san Pietroburgo.

Ingredienti per 6 persone

  • 250 grammi di ramolaccio,
  • 50 grammi di ciccioli d’oca col grasso,
  • sale.

Preparazione

Il ramolaccio sbucciato viene grattugìato in modo da ottenere trucioli assai sottili.

Poi tagliare il grasso d’oca in dadini e friggerli sulla padella finché i ciccioli diventino dorati. Il ramolaccio grattugiato si cosparge di sale, si copre con il grasso d’oca liquefatto. Il tutto si mescola e si cosparge di ciccioli.

Condividi!

4 commenti a “Insalata di ramolaccio guarnito di ciccioli

  1. ezio

    per la prima volta nelle mia vita ho mangiato il ramolaccio,l’ho mangiato in insalata,condito con olio extra vergine,sale,pepe,,poi ho aggiunto in una parte di insalata l’aceto,mentre in un altro piatto ho messo il limone in alternativa all’aceto,devo dire che in tutti e due casi l’ho gustato,in futuro voglio provarli con altre ricette.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *