Fagiolini al sesamo, tanti nomi per una bontà

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Ancora nessun voto)
Loading...Loading...
  • Porzioni per
    4 persone
  • Tempo Totale
    1 Ora
fagiolini al sesamo

I fagiolini sono un alimento molto prezioso nelle diete dimagranti. Perché a fronte di un basso contenuto calorico, sono ricchi di sali minerali e fibre, nonché di Vitamina A. Prima di procedere con la preparazione, i fagiolini vanno spuntati alle estremità e lavati in acqua corrente.

I fagiolini al sesamo vi sorprenderanno. Semplici ma buonissimi. I fagiolini sono un alimento molto prezioso nelle diete dimagranti. Perché a fronte di un basso contenuto calorico, sono ricchi di sali minerali e fibre nonché di Vitamina A. Occorre ricordare che prima di procedere alla preparazione della pietanza desiderata, i fagiolini vanno spuntati alle estremità e lavati in acqua corrente.

Fagiolini al sesamo: la conservazione

Per una corretta conservazione dei fagiolini nel congelatore occorre prendere alcuni accorgimenti: dovete anzitutto spuntare le due estremità, dopodiché lasciateli interi o tagliateli in pezzi da tre centimetri circa, quindi sbollentate per due minuti, raffreddate e congelate. Quando decidete di consumarli, cuocete in acqua bollente per sette minuti se interi, o per cinque minuti se a tocchetti. Per mantenere il colore verde acceso dei fagiolini, fateli cuocere in acqua abbondante e salata, a forte ebollizione per pochi minuti ma a pentola scoperta. Quest’ultimo accorgimento è essenziale per far sì che gli acidi presenti nei fagiolini e responsabili dell’alterazione del colore, si volatilizzino prima di attaccare la clorofilla.

I fagiolini al sesamo necessitano appunto del tocco unico che questa spezia può conferire. Il sesamo con i fagiolini si sposa alla perfezione! E poi non va sottovalutato anche l’aspetto relativo alle proprietà benefiche della spezia in questione. Il sesamo garantisce un buon apporto in termini di magnesio, ferro, fosforo e proteine. Alcuni esperti si sono pronunciati circa capacità antiossidanti e in generale benefiche per la prevenzione del cancro al colon, per via della presenza di acido fisico.

Infine una curiosità. Come capita per molti alimenti, in Italia sono diffusi diversi nomi per identificare il medesimo cibo. Il caso dei fagiolini è uno dei più interessanti da questo punto di vista. Per esempio in Lombardia, ma non solo, si utilizza la parola cornetti come sinonimo innescando spesso delle simpatiche incomprensioni con le numerosissime persone che vivono in Lombardia ma sono originarie di altre regioni italiane. Poi c’è il caso altrettanto interessante del Veneto e del Friuli, dove i fagiolini prendono il nome di tegoline.

Ingredienti per 4 persone

  • 200 gr fagiolini
  • 4 cucchiaini salsa soia
  • 2 cucchiai sakè
  • 2 cucchiai semi sesamo
  • 1 cucchiaino zucchero

Procedimento

  1. Pulite i fagiolini e lavateli.
  2. Mettete sul fuoco una casseruola con acqua in abbondanza e, quando bolle, versate i fagiolini. Fateli cuocere e scolate li al dente. Immergeteli subito in acqua fredda per fermare la cottura.
  3. Tagliate i fagiolini a pezzetti. Fate tostare i semi di sesamo poi pestateli nel mortaio. Aggiungete lo zucchero, la salsa di soia e il saké quindi mescolate bene.
  4. Mettete i fagiolini in ciotole piuttosto alte, conditeli con il composto preparato e servite.
  5. I semi di sesamo possono essere bianchi o neri. Sono semi oleosi che si conservano in frigorifero in appositi contenitori ermetici, lontano dall'umidità. Prima dell'uso vanno tostati in un recipiente di terracotta, muovendoli spesso.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *