Coniglio in umido con olive taggiasche

  • Porzioni per
    6 persone
  • Tempo di Preparazione
    30 Minuti
  • Tempo di Cottura
    1 Ora
  • Tempo Totale
    1 Ora 30 Minuti
Coniglio in umido con olive taggiasche

Un piatto della tradizione ligure, molto gustoso e delicato…

Ecco un secondo piatto perfetto: il coniglio in umido con olive taggiasche

Quella del coniglio in umido con olive taggiasche è una ricetta creata dalla mia Roberta, che migliora di giorno in giorno la preparazione e l’impiattamento delle pietanze che prepara! È delizioso sotto ogni punto di vista ed è anche un secondo molto nutriente: un carico di proteine ed energia!

Proprio per queste ragioni, ho deciso di condividere con voi la ricetta. Ma prima di passare ai fatti, è sempre bene fare un po’ di teoria!

Le peculiarità di un piatto decisamente gustoso!

La carne di coniglio è molto gustosa e presenta un sapore molto particolare e a dir poco inconfondibile. Tuttavia, è utile sapere anche che propone quantità molto apprezzabili di vitamine del gruppo B, ovvero le stesse che intervengono in tanti processi metabolici e che sono indispensabili per il lavoro muscolare e nervoso. La nostra alimentazione non contiene sempre sufficienti vitamine e, perciò, un maggiore apporto di carne di coniglio potrebbe rivelarsi molto importante e positivamente incisivo a livello nutrizionale.

Questo alimento offre anche 0.79 mgrs di vitamine E, che è un contenuto molto alto in comparazione con le altre carni che generalmente ne offrono 0.2 mgrs. Questa vitamina ha caratteristiche antiossidanti, permette di lottare contro l’invecchiamento cellulare e propone un’azione utile nella prevenzione cardiovascolare. Ovviamente, gran parte di questi nutrienti verranno trasferiti nel nostro piatto di coniglio in umido con olive taggiasche e lo stesso vale per il suo notevole contenuto di niacina e vitamina B12.

D’altra parte troviamo le olive taggiasche, che sono la drupa dell’Olea europea, varietà/cultivar Taggiasca e devono il loro nome alla cittadina di Taggia, in provincia di Imperia. L’olivo di varietà taggiasco è una pianta particolarmente grande e robusta che può arrivare ad un’altezza di 15 metri. Di medie dimensioni, ma dalla forma cilindrica, allungata e un po’ più grossa alla base, questa tipologia di oliva presenta una polpa consistente e ricca. Questa varietà è adatta sia per la produzione oleifera che per quella dei frutti conservati per la tavola.

Tutto il sapore del coniglio in umido con olive taggiasche

Certo che la carne di coniglio ha il suo perché, ma anche le olive taggiasche non sono da meno: le loro proprietà organolettiche sono al di sopra della norma. Il loro gusto e il loro aroma sono unici, tanto da essere considerate la più delicate al mondo e, di conseguenza, anche le più pregiate.

Perciò, un secondo piatto con coniglio in umido con olive taggiasche è a dir poco delizioso! Andiamo a preparare questa pietanza tipica della cucina del Ponente Ligure, ma in uso un po’ ovunque.

Ingredienti per 6 persone

  • 1 coniglio abbastanza grosso
  • 1 scalogno
  • 150 gr. di olive taggiasche
  • 2 spicchi d' aglio
  • 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
  • q.d di rosmarino
  • q.b. di alloro
  • q.b. di vino rosso corposo
  • q.b. di brodo
  • q.b. di olio d'oliva extravergine
  • q.b. di sale
  • q.b. di pepe

Procedimento

  1. Tagliate il coniglio in dodici pezzi e tenete da parte la testa, il fegato e i reni.
  2. In un tegame antiaderente fate appassire a fuoco basso la cipolla e l'aglio tritati in qualche cucchiaio d’acqua, quando sono soffritti aggiungete il coniglio e fatelo rosolare in tutti i lati, poi aggiungete le foglie di alloro, e il rosmarino e fatelo cuocere fino a che è ben dorato.
  3. Sfumate il coniglio con il vino e quando è evaporato aggiungete le olive taggiasche, i i rognoni e il fegato del coniglio.
    Mescolate per bene, coprite la pentola con un coperchio e lasciate cuocere il coniglio a fuoco lento, per un ora circa e bagnandolo di tanto in tanto con il brodo.
  4. Quando è ben cotto e la carne si stacca facilmente dalle ossa, servite il coniglio con il suo fondo di cottura

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *