Intolleranza all’uovo? Ecco come stare meglio (ricetta inclusa!)

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Ancora nessun voto)
Loading...Loading...
  • Porzioni per
    4 persone
  • Tempo di Preparazione
    25 Minuti
  • Tempo di Cottura
    15 Minuti
  • Tempo Totale
    40 Minuti
intolleranza all'uovoMarcoMayer

Addio sintomi dell’intolleranza all’uovo!

L’uovo è la causa più comune d’intolleranza alimentare nei bambini e nei neonati. Le intolleranze, come sappiamo, sono delle reazioni o risposte inappropriate dell’organismo a una sostanza, in questo caso all’uovo.

C’è una buona probabilità che chi sviluppa l’intolleranza da bambino possa da adulto non avere più problemi. Esiste però anche l’eventualità che un adulto possa sviluppare, a un certo punto della sua vita, una sensibilità alle uova, anche se con sintomi meno gravi.

Quali sono i sintomi dell’intolleranza all’uovo?

Come sempre bisogna tener presente che l’allergia è diversa dall’intolleranza all’uovo: la prima coinvolge il sistema immunitario ed è per molti versi più grave anche perché potrebbe portare allo shock anafilattico. Tuttavia, molti sintomi sono simili, come:

  • problemi gastrointestinali: gas, gonfiore, male o bruciore di stomaco, crampi, vomito, nausea
  • difficoltà respiratorie
  • mal di testa
  • eruzioni cutanee
  • dolori articolari
  • irritabilità
  • nervosismo

Come difendersi dell’intolleranza all’uovo?

Per evitare i sintomi dell’intolleranza è necessario evitare le uova e tutti gli alimenti che le contengono. Sfortunatamente, essendo un ingrediente molto comune nella maggior parte dei preparati e anche in alcuni alimenti impensabili, eliminare le uova dalla dieta non è semplice. Ad esempio, alcuni formaggi contengono proteine dell’uovo, così come alcuni insaccati o preparati a base di carne.

Ecco che allora l’etichetta degli ingredienti diventa di fondamentale importanza.

Attenzione, però, come componente di altri alimenti può essere etichettato in altro modo, come:

  • Lecitina (d’uovo non di soia)
  • lisozima
  • albumina
  • coagulante
  • emulsionante
  • globulina
  • livetin
  • ovoalbumina
  • ovomucina
  • ovomucoid
  • ovovitellina
  • vitellina
  • E161b (luteina, pigmento giallo)

Cosa mangiare al posto dell’uovo

Le uova sono una fonte importante di proteine (1 uovo fornisce il 15% circa della RDA), di vitamine (A, B, D, E) e Sali minerali (calcio, ferro e fosforo). I vegetariani, i vegani e chi soffre d’intolleranza all’uovo devono, dunque, scegliere alimenti in grado di fornire gli stessi nutrimenti delle uova, come:

  • Fagioli e legumi
  • Noci e semi
  • Proteine della carne, del pesce e del latte

In cucina, invece, le uova possono essere sostituite con alimenti dalle stesse proprietà leganti e addensanti, come:

  • Amido di mais
  • Avocado
  • Frutta frullata (esempio banana)
  • Fecola di patate
  • farina di ceci e acqua
  • margarina fusa con zucchero e acqua
  • 1 cucchiaino di alga agar-agar diluito in 1 tazza di acqua bollente con 1 cucchiaino di margarina vegetale.

Per questa semplicissima ricetta ho usato un’ Aceto Balsamico che ha la  capacità di esaltare i sapori di ogni piatto: carne o pesce, antipasto o frutta, verdure o dolce. Un aceto che si accompagna meravigliosamente a tutte le culture culinarie, perché è il più naturale degli aceti, inarrivabile nella sua semplicità.

Protagonista nelle nostre cucina ma ultimamente abbinato anche al sushi o sashimi giapponesi, ai ravioli cinesi al vapore, alle delizie thai o al cous cous mediterraneo.

L’Aceto Balsamico di Modena IGP e l’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP dell’Acetaia Compagnia Del Montale sono sinonimo di classe, seduzione, raffinatezza anche a tavola, perché il suo gusto eccezionale è unico è un inno alla creatività e alla fusion gastronomica.

Ecco la ricetta perfetta se sei intollerante all’uovo: il pollo all’aceto balsamico!

Ingredienti per 4 persone

  • 800 gr. petto di pollo
  • 4/6 cucchiai aceto balsamico Acetaia Compagnia del Montale
  • 1 bicchiere succo di bergamotto
  • q.b. olio extravergine di oliva
  • q.b. rosmarino tritato

Per l'insalata

  • 150 gr. rucola
  • 12 datterini
  • 2 cucchiaio capperi in salamoia
  • 2 cucchiaio olio extravergine di oliva
  • q.b. sale marino integrale e pepe

Procedimento

  1. Marinate per circa 20 minuti il petto di pollo con il succo di bergamotto. In una padella antiaderente unta con l’olio, metti a rosolare il petto di pollo con il rosmarino tritate.
  2. Cuocete per circa 10 minuti, poi fate raffreddare e tagliate a striscioline. Fate marinare per altri 10 minuti le striscioline di pollo in una terrina con dell’aceto.
  3. Nel frattempo preparate l’insalata con la rucola, i datterini a rondelle, i capperi, un pizzico di sale e una presa di pepe e l’olio. Mescolate bene, unite le striscioline di pollo, mescolate e servite.

Condividi!

2 commenti a “Intolleranza all’uovo? Ecco come stare meglio (ricetta inclusa!)

  1. Andrea

    Trovo inappropriata una ricetta a base di pollo per chi è allergico o intollerante alle uova , in quanto spesso si sviluppa una intolleranza alla carne sia di pollo che di tacchino.
    Chi è alle prime armi con la sua allergia / intolleranza potrebbe non saperlo e sentirsi male.
    Parlo per esperienza personale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *