Rettangoli di polenta con crema di lardo di Cinta Senese

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Ancora nessun voto)
Loading...Loading...
  • Porzioni per
    4 persone
  • Tempo Totale
    30 Minuti
crostoni di polenta con lardo

Un antipasto diverso dal solito!

La Cinta Senese è considerata l’origine di tutti i maiali della Toscana. Allevata fin dal tempo degli Etruschi, ai tempi dei Romani seguì questo popolo durante le sue migrazioni e successivamente fu di grande aiuto ai contadini del Medioevo durante i periodi di pestilenza e carestia fornendo loro un ottimo alimento.
Nel 1338 Ambrogio Lorenzetti  la raffigurò in un affresco  denominato Effetti del Buon Governo – La campagna ben governata che tutt’ora si trova nel Palazzo Comunale di Siena.

Il suo luogo di origine è la Montagnola Senese, quella zona collinare a 250-300 metri sul livello del mare, compresa  tra i comuni senesi di Monteriggioni, SovicilleCasole d’Elsa e Poggibonsi, ricoperta da immensi boschi di leccio (Quercus Ilex ) che sono  fonte inesauribili di ghiande, ed offrono nel sottobosco lo stato ottimale per il pascolo di questi suini allo stato brado.

Una delle peculiarità della Cinta Senese è quella di essere d allevata allo stato brado o semibrado, in ampie aree recintate, dove i boschi si alternano a qualche radura.

Questo tipo di allevamento e la conseguente alimentazione costituita da ghiande dolci di quercia e amare del leccio, da tuberi, radici e materiale organico del tappeto erboso, conferiscono alle sue  carni un sapore e delle caratteristiche uniche: oltre ad avere effetti positivi sulla sapidità e sulla succulenza della carne risulta essere più rossa e più gustosa delle carni di altri tipi di suini.

Le sue carni hanno, inoltre migliori qualità dietetiche per la maggiore concentrazione di acidi grassi insaturi, in particolare della serie Omega 3 (i quali sono associati ad una diminuzione dei grassi nel sangue) e Omega 6 (i quali hanno una azione antitrombosi) e il suo lardo è più ricco di acido e di acidi grassi polinsaturi rispetto a quello tradizionale.

Il lardo di Cinta Senese è una delle prelibatezze ottenute dalla lavorazione dei suini di razza Cinta Senese DOP

Dopo una leggera salatura e stagionatura, i tranci di lardo, dalla forma quadrata e dall’altezza consistente asciugano a tal punto che la sua dolcezza differenzia lodevolmente il prodotto, apprezzato da tutti i gourmet.

Il suo gusto sapido ma delicato, è  reso estremamente particolare dalle note di nocciola tipiche del grasso di Cinta Senese, ricco di lipidi solitamente meno abbondanti nel grasso di altre razze suine.

Ottimo affettato sottile e posto su crostini di pane abbrustolito ancora caldo. Si presta anche per la preparazione di piatti di carne,  ma anche con piatti di pesce.

 

Ingredienti per 4 persone

Ingredienti

  • 12 fettine Lardo di Cinta Senese

per la crema di lardo

  • 200 gr lardo di Cinta Senese in fette spesse
  • 1 spicchio d'aglio
  • q.b. rosmarino
  • q.b. sale

per la polenta

  • 250 gr farina di mais per polenta a cottura rapida
  • 1/2 lt latte di quinoa e riso
  • 1/2 lt acqua
  • q.b. sale

Procedimento

Preparazione

  1. Versate il latte in una casseruola con l'acqua e salate. Quando inizia il bollore versate la farina a pioggia e mescolate con  una frusta per evitare che si formino grumi. Cuocete la polenta secondo le indicazioni che trovate sulla confezione.

    Una volta cotta  la  polenta dal fuoco e rovesciatela in una teglia rettangolare coperta da carta da forno, aiutandovi con il  dorso di un cucchiaio. Lasciate  raffreddare prima di procedere al taglio e nel frattempo preparate la crema di lardo.
  2. Tagliate il lardo a dadini e tritarlo con la mezzaluna fino a ridurlo in una crema densa. Tritate finemente il rosmarino e l'aglio e metteteli in una ciotola con il lardo. Salate e lavorate il composto con un cucchiaio di legno fino a quando non otterrete una crema molto morbida. Lasciate riposare in frigorifero un'oretta coprendo il recipiente.



  3. Fate la polenta in tanti rettangoli utilizzando un coppapasta e adagiateli su di una teglia ricoperta da un foglio di carta forno;  metteteli in forno già caldo a 180° per circa 5 minuti. Trasferite i rettangoli su di un piatto e distribuitevi sopra un cucchiaino di crema di lardo sopra una fettina di lardo. Servite immediatamente.

Questo piatto potete prepararlo anche con della polenta avanzata oppure fate la polenta di farro o quella di quinoa o con quella di riso venere.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *