Latte vegetale: quali sono e come sceglierli

Vari tipi di latte vegetale si stanno prepotentemente, e io aggiungo fortunatamente, conquistando un posto d’onore sulle nostre tavole. Oggi scopriremo quali sono e perché fanno bene.

Latte vegetale: di cosa si tratta?

Con il termine “latte vegetale” si intendono tutte le bevande simili al latte, che provengono dalle piante. Questo tipo di latte è quindi composto di acqua e ingredienti vegetali, e può essere tranquillamente consumato anche dagli intolleranti al lattosio, e da tutte le persone che, per scelta o per motivi di salute, non possono assumere latte vaccino.

Il latte vaccino fortunatamente, pur essendo ricco di nutrienti, non rappresenta assolutamente una componente essenziale della dieta di noi adulti, e può tranquillamente essere sostituito dal latte vegetale che è molto indicato nei seguenti casi:

  • Intolleranza al lattosio.
  • Allergie alle proteine del latte vaccino.
  • Ipercolesterolemia ( eccesso di colesterolo nel sangue).

Proprietà del latte vegetale

Se ancora lo conoscete poco, sappiate che il latte vegetale ha moltissime proprietà utili per la nostra salute, ecco le principali:

  • E’ povero di grassi.
  • Non contiene lattosio.
  • Non contiene colesterolo.
  • Fornisce un buon apporto di sali minerali.
  • Contiene un’alta percentuale di vitamine.

Ma quanti tipi di latte vegetale esistono? Sono davvero molti di più di quanto pensiate, ma oggi parleremo di quelli più conosciuti, e quindi più facilmente reperibili.

Latte vegetale: quante varietà ne esistono?

Per darvi un’idea di quanti tipi di latte vegetale esistano, ma senza dilungarmi in interminabili liste, mi limiterò a dirvi che questo latte si divide, a seconda dei vegetali dai quai proviene, in 4 gruppi fondamentali:

  • Latte di cereali (avena, orzo, riso, grano).
  • Latte di legumi (lupini, piselli, arachidi, soia).
  • Latte di noci (mandorla, anacardi, cocco, nocciola).
  • Latte di semi (canapa, quinoa, sesamo, girasole).

In questo elenco, sicuramente i più comuni sono il latte di soia, di riso e di mandorle, e di questi vi parlerò brevemente.

 

Latte vegetale 2

Latte di soia

Sicuramente sarà capitato quasi a tutti di bere il latte di soia, in quanto è un latte vegetale estremamente comune, oltre che molto salutare (a patto di non essere allergici alla soia). Originario della Cina, fu importato in America e in Europa nel 900.
Queste le sue principali carateristiche:

  • E’ estremamente digeribile, anche da chi fortemente intollerante al lattosio, in quanto non ne contiene.
  • E’ adatto a chi è allergico alle proteine del latte vaccino.
  • E’ ricco di lecitine, molecole che contribuiscono all’abbassamento del colesterolo.
  • E’ ricco di omega-3, acidi grassi che contribuiscono ad una buona funzionalità cardiaca.

Il latte di soia è inoltre perfetto per le persone diabetiche, in quanto libera lentamente nel sangue lo zucchero in esso contenuto, favorendo valori stabili di glicemia. Non  è consigliato a chi ha un’intolleranza al nichel.

Latte di riso

Questo latte vegetale viene prodotto macinando, bollendo e poi facendo fermentare i chicchi di riso freschi. Si tratta di una bevanda dolce e leggera, molto utilizzata nella cucina orientale, soprattutto per fare dolci. Queste sono le sue principali caratteristiche:

  • Non contiente lattosio quindi è perfetto per gli intolleranti
  • Non contiene glutine, quindi è sicuro per i celiaci.
  • Ha proprietà rilassanti in quanto contiene triptofano (amminoacido chiave per la produzione di serotonina) e vitamina D.
  • Va bene per le diete in quanto ha meno calorie rispetto al latte di soia e di mandorle.

Ricordatevi che il latte di riso è molto ricco di zuccheri, quindi attenzione se avete necessità di tenere sotto controllo la glicemia.

Latte di mandorle

Tra i vari tipi di latte vegetale è uno dei più nutrienti, molto indicato per:

  • Bambini in fase di crescita.
  • Persone che hanno problemi di denutrizione e che quindi necessitano di una buona integrazione alimentare.

Come tutti gli altri tipi di latte vegetale, aiuta a mantenere l’organismo in buona salute, in quanto:

  • Contiene un’alta percentuale di potassio, molto utile ai muscoli.
  • Contiene molto magnesio, ferro, calcio e vitamina E.
  • Possiede un alto contenuto di fibre (fondamentali per mantenere sano l’intestino).
  • Aiuta a tenere sotto controllo il colesterolo.

Ricordatevi però una cosa: visto il suo alto contenuto di nutrienti, è poco indicato se si segue una dieta ipocalorica.

Oggi vi ho fornito solo qualche esempio, ma vi sarete sicuramente resi conto che il latte vegetale costituisce un’ottima ternativa al latte vaccino, e non ha nulla da invidiare a quest’ultimo, sia in fatto di gusto, sia in fatto di apporto nutritivo, anzi!

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *