Gnocchi con la curcuma e ne beneficia anche il tuo fegato!

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle 2 voti, media: 3,00 su 5
Loading...Loading...
  • Porzioni per
    4/6 persone
  • Tempo Totale
    50 Minuti
gnocchi alla curcuma ridotta

Provateli e poi ditemi cosa ne pensate!!

Ogni giorno mi piace provare qualcosa di nuovo in cucina e ultimamente mio marito si è fissato sulla curcuma e la metterebbe ovunque. Oggi stavo preparando gli gnocchi e ha voluto metterla nell’impasto. Al primo momento ho riso e vabbe…proviamo, ma poi visto il risultato ho anche deciso di pubblicarli perchè sono venuti proprio buoni!!!

Quello che di certo si sa oggi sulle intolleranze alimentari è che trattasi di patologie tra le più diffuse in assoluto nella popolazione d’oggi.

Intolleranza è sinonimo di malessere e disordine alimentare ed è causa di disturbi a carico, soprattutto, dell’apparato gastrointestinale.

Quello che invece non sempre è noto è che non esiste un’unica forma di intolleranza, ma più.

La nostra dieta ha sperimentato la presenza di sostanze che scatenano delle reazioni negative in capo al nostro organismo, e che vedono il nostro sistema immunitario completamente incapace di offrire un’adeguata difesa.

Ma quante intolleranze esistono? Ed in che cosa esse si differenziano?

Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza su un argomento spesso molto controverso.

Intolleranze legate alla tossicità

Definite anche intolleranze tossiche, esse sono scatenate dalla presenza in alcuni alimenti di additivi quali dolcificanti, addensanti, solfiti, gluttamati.

Si tratta di sostanze assolutamente non naturali, che, ammettiamolo, non fanno bene proprio a nessuno ma che, in alcuni soggetti, possono scatenare delle reazioni chimiche a volte anche notevoli. Tutt’ora alla scienza ed alla medicina non è chiara la causa della reazione: le manifestazioni sono talmente variabili che non si può escludere la possibilità di un’interazione tra meccanismi di origine biochimica e quelli, invece, mediati immunologicamente.

Purtroppo, l’uso di questi ingredienti è così diffuso da rappresentare cosa ordinaria: addirittura se ne trova indicata la presenza apertamente nelle confezioni di alcuni prodotti che le contengono.

In verità questa tendenza non è affatto normale, ed andrebbe, di contro neutralizzata a vantaggio di tutti.

Intolleranze enzimatiche

Alcune intolleranze sono collegate all’incapacità, correlata a fattori congeniti, da parte del nostro organismo, di metabolizzare alcune sostanze per la mancanza o carenza di particolari enzimi.

La forma di intolleranza rientrante in questo alveo più diffusa e più nota è rappresentata dall’intolleranza al lattosio, cagionata dalla mancanza dell’enzima lattasi fin dalla nascita o maturata in età adulta.

In tutti e due i casi la sintomatologia correlata è sempre la stessa: gonfiore, tensione addominale, meteorismo e, a volte, diarrea.

Intolleranze di tipo farmacologico

Vi sono poi soggetti che si dimostrano particolarmente reattivi ad alcune sostanze presenti in alcuni cibi.

Si tratta di prodotti che possono occasionare molti malesseri non solo a carico del nostro organismo, ma anche a carico del nostro sistema nervoso: tra questi vi è la caffeina, la capsaicina, presente nel peperoncino, ed anche l’istamina e l’etanolo.

La sintomatologia correlata, come anticipato, varia parecchio da una sostanza all’altra e, potendo esse cagionare danni anche molto seri, andrebbero prontamente eseguiti uno o più test onde evitare il peggio.

 

Ingredienti per 4/6 persone

  • 600 gr patate
  • 200 gr farina di riso finissima
  • 2 uova bio
  • 1 cucchiaio curcuma in polvere
  • q.b. sale

Procedimento

  1. Lessate le patate con la buccia per 30 minuti circa. Per vedere la cottura pungetele con uno stuzzicadenti. Passatele nello schiacciapatate e impastatele con la farina, la curcuma, le uova e un pizzico di sale. Ricavate tanti cilindri, riduceteli a tocchetti e passateli sui rebbi di una forchetta e disponeteli sulla spianatoia infarinata.

    Lasciateli riposare 20 minuti circa prima di cuocerli in abbondante acqua, salata quando bolle. Appena vengono a galla scolateli con un mestolo forato e spadellateli a piacere.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *