Crostata di quinoa con confettura di fichi e aceto balsamico

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Ancora nessun voto)
Loading...Loading...
  • Porzioni per
    6 persone
  • Tempo Totale
    4 Ore
Salsa di fichi e aceto balsamico

Crostata di quinoa con confettura di fichi

Nei giorni scorsi ho preparato una deliziosa confettura di fichi e non vedevo l’ora di assaggiarla…

In frigorifero avevo la pastafrolla  di  quinoa, niente di meglio, quindi,  da utilizzare di base per questa deliziosa crostata. Il risultato???

Questa crostata di quinoa con confettura di fichi ha conquistato la mia famiglia che mi ha ringraziato per questo dolce e delizioso inizio di giornata. :-) :-) :-)

Vi parlo in questo post del cereale più amato dai celiaci e dagli intolleranti al nichel: la quinoa. Dalla quinoa  si ricava una buonissima e nutriente farina che serve a preparare pizze, focacce, pasta ecc, ecc. Ovviamente, c’è il trucchetto. Sì, perché, se la quinoa fosse veramente un cereale, appartenente alla famiglia botanica delle graminacee, conterrebbe glutine e, dunque, sarebbe vietata in qualsiasi dieta destinata a celiaci.

Il trucchetto, in parte, ve l’ho già svelato; la quinoa, così come il grano saraceno e l’amaranto, non è un vero cereale ma uno pseudocereale. Si tratta, infatti, non di una graminacea, ma di una pianta erbacea della stessa famiglia degli spinaci e delle barbabietole. Tuttavia, la farina che si ottiene contiene abbastanza amido da rientrare, almeno merceologicamente, nella categoria dei cereali.

Svelato il trucco, rimane il fatto che la quinoa è, o comunque dovrebbe essere, il cereale, o meglio il pseudo cereale, più amato da chi soffre di celiachia. Il motivo è l’eccellente profilo nutrizionale. Il consumo dei pseudocereali consente, infatti, di compensare alle carenze nutrizionali date dall’eliminazione dei cibi contenenti glutine che i prodotti studiati per i celiaci non sono del tutto in grado di supplire se paragonati ai normali prodotti a base di cereali.

La quinoa, così come la farina che si ottiene, invece, contiene gli stessi valori nutrizionali e, a volte, anche di più, dei cereali. Sicuramente, contiene più proteine di molti cereali. Oltretutto, si tratta di proteine migliori perché contengono lisina, un aminoacido essenziale che di solito è carente nei cibi vegetali.

Il livello di fibra, poi, è molto elevato e comparabile a quello contenuto nei cereali, le quantità di fibra sono maggiori, invece, se la quinoa è consumata cruda. Ci sono numerosi studi che dimostrano che la fibra solubile può aiutare a ridurre i livelli di zucchero nel sangue, abbassare il colesterolo, aumentare il senso di pienezza e quindi contribuire alla perdita di peso.

La quinoa è considerata un super alimento anche per l’elevato contenuto di antiossidanti che, come sappiamo, sono importanti per combattere l’invecchiamento e molte malattie. Secondo uno studio fatto su 10 alimenti (cereali, pseudocereali e legum) la quinoa possiede il più alto contenuto di antiossidanti.

L’elenco delle proprietà nutritive della quinoa potrebbe ancora continuare e confermerebbe ulteriormente quanto sia un alimento prezioso da integrare nella nostra dieta, soprattutto in quella di chi soffre di celiachia. Purtroppo, però, anche secondo la Fondazione Celiachia, a oggi, sono presenti sul mercato pochissimi prodotti a base di pseudocereali. Speriamo che gli studi che si stanno tenendo sul loro impiego nella produzione di pane, pasta e dolciumi diano buoni risultati.

A voi piace??? Fatemelo sapere :-)

 

Ingredienti per 6 persone

Ingredienti per la frolla

  • 600 gr farina di quinoa
  • 200 gr ricotta delattosata
  • 200 gr zucchero di canna bianco
  • 3 uova intere
  • 1 tuorlo d'uovo
  • 1 cucchiaino bicarbonato
  • 1 pizzico sale fino

Ingredienti per la confettura di fichi

  • 2 kg fichi
  • 500 gr zucchero di canna bianco
  • q,b, aceto balsamico

Procedimento

Preparazione della frolla

  1. Disponete le farina a fontana sulla spianatoia. Lavorate con le mani sabbiando la ricotta con la farina, il bicarbonato e il sale, quindi unire le uova a filo e lo zucchero. Impastate piuttosto rapidamente, quanto basta per amalgamare gli ingredienti.

  2. Formate una palla, avvolgetela in un canovaccio e la¬sciatela riposare, nella parte più bassa del frigorifero, per almeno un paio d’ore.

Preparazione della confettura

  1. Sbucciate i fichi, divideteli in 4 spicchi e metteteli a macerare in una terrina con il succo e la scorza grattugiata dei limoni per circa ¾ d’ora.
  2. Trascorso il tempo di macerazione mettete il contenuto della terrina in una capiente pentola alta e antiaderente; aggiungete lo zucchero e cuocete a fiamma bassa per altri 45 minuti, mescolando di tanto in tanto per evitare che lo zucchero si posi sul fondo e i fichi si disfino. Quando vedete che comincia ad addensarsi aggiungere l'aceto balsamico
  3. Quando la marmellata sarà granulosa, non troppo liquida, e dalla giusta consistenza (versate un cucchiaino di marmellata su un piattino e lasciate raffreddare: se si solidificherà un po’, allora il composto sarà pronto per essere messo nei vasetti altrimenti proseguite con la cottura ) spegnete il fuoco.
  4. Riempite i vasetti puliti con la marmellata ancora caldissima, fermandovi a 2-3 cm dal bordo, chiudete con il tappo.
    Mettete i vasetti in una capiente pentola ricoperti completamente di acqua farli bollire per 40 minuti dall'inizio del bollore. Lasciarli poi raffreddare nella stessa pentola.
    Una volta raffreddati toglierli dalla pentola, asciugarli e riporli nella dispensa.

Preparazione della crostata

  1. Stendete l’impasto con il mattarello fino ad uno spessore di circa 1/2 cm ed adagiatelo in una tortiera ricoperta con della carta da forno bagnata e strizzata in modo che aderisca perfettamente, Foderate la teglia con ⅔ dell’impasto di pasta frolla
  2. Con il rimanente impasto della paste frolla fate delle striscioline che copriranno tutta la farcitura.
  3. Coprite la pasta frolla con la confettura e sopra adagiatevi le strisce di pasta frolla cuocete in forno preriscaldato a 180° per circa 40 minuti.

Mi è venuta così la voglia di preparare un dolce per la prima colazione, un dolce  di quelli golosi e sfiziosi che ti danno la giusta carica per affrontare la giornata, ma dal sapore e dalla consistenza un po’ particolare e fuori dalla norma.

Condividi!

Un commento a “Crostata di quinoa con confettura di fichi e aceto balsamico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *